Nuove tecnologie e loro impatto sulla forza lavoro dei trasporti


Tecnologie per il flusso dei trasporti

La forza lavoro nel viaggio verso un futuro innovativo, quando si implementa la tecnologia nei trasporti.


C'è un'interessante tendenza per le persone a smettere di pensare alla tecnologia una volta che ci si abitua. Intelligenza Artificiale ad attivazione vocale? Ora solo Alexa. Un computer portatile in tasca? Solo uno smartphone.

In questo contesto, potrebbe valere la pena ripensare alla nuova tecnologia che è entrata nel trasporto pubblico negli ultimi anni: dai biglietti elettronici e il pagamento senza contatto, alla maggiore integrazione dei sensori nei motori e in altre apparecchiature. Spesso ci viene chiesto cosa questo significhi per i lavoratori dei trasporti, e di solito l'accento è posto su cosa significa per il loro lavoro e per i tipi di competenze di cui avranno bisogno. Tuttavia, ci sono impatti e problemi che vanno anche oltre, perché la tecnologia sta iniziando a rimodellare il contesto in cui operano i nostri lavoratori, per fortuna le competenze professionali anche in questo campo sono fondamentali come ad esempio nel caso di trasporto di merci pericolose è fondamentale richiedere ad un professionista la Consulenza ADR.

I trasporti e il flusso innovativo del lavoro

Dal punto di vista del lavoratore, tutta la tecnologia serve a tre scopi principali che di solito li colpiscono contemporaneamente:

  • può sostituire il lavoro;
  • può far lavorare di più i lavoratori;
  • può consentire la riorganizzazione di un processo lavorativo;

Ad esempio, l'introduzione delle biglietterie automatiche sostituisce il personale nelle biglietterie, determinando una riduzione del numero di addetti. Ciò porta però anche il restante personale della stazione a doversi confrontare con persone che hanno problemi con le macchine, ma anche con chi cerca indicazioni o necessita di assistenza medica; per queste persone, il loro lavoro è stato intensificato. Poiché le macchine portano i propri requisiti e il personale addetto alla biglietteria ha anche altri compiti, l'introduzione delle macchine significa anche che i compiti vecchi e nuovi devono essere ridistribuiti in un modo nuovo.

I trasporti e il flusso innovativo del lavoro

Comprendere i dati e riconoscere il ruolo del software sul posto di lavoro


Ciò evidenzia un problema con i dati: possono essere raccolti per uno scopo, ma utilizzati per qualcos'altro completamente "

Tuttavia, la tecnologia digitale introduce un nuovo elemento in questa equazione. La tecnologia digitale funziona sui dati, che sono essenzialmente informazioni che possono essere comprese dai computer. I dati descrivono e i computer possono quindi controllare processi o macchinari in base a questo. I nuovi strumenti a cui i lavoratori sono sempre più esposti sono le macchine controllate da software, come le biglietterie automatiche o i treni e i tram della metropolitana senza conducente.

Inoltre, i lavoratori sono sempre più controllati indirettamente dal software.
Ad esempio, la tecnologia digitale regola il distanziamento e gli orari degli autobus in modo tale da garantire un distanziamento regolare e un orario prevedibile per i passeggeri, ma questo ha diversi impatti anche sui lavoratori; sono spesso infastiditi da piccole luci rosse che dicono loro che stanno andando troppo lentamente o sono troppo avanti.
Non c'è nulla che possano fare al riguardo perché di solito è il risultato di lavori stradali o congestione del traffico e ci sono limiti di velocità che controllano la velocità con cui possono andare.

Gli orari non tengono conto delle esigenze biologiche degli autisti e di solito non c'è spazio libero, quindi se un autobus arriva in ritardo, l'autista non ha tempo per andare in bagno e deve subito partire per il percorso successivo - molti si lamentano di turni interi senza accesso ai servizi igienici. Un altro impatto indiretto è rappresentato dall'introduzione della videosorveglianza digitale e del microfono o dall'uso dei telefoni cellulari da parte dei passeggeri.

Il livello di stress dei conducenti nei trasporti

Naturalmente, da un lato questo può migliorare la sicurezza del conducente, ma dall'altro i conducenti sanno di essere costantemente monitorati e questo crea un altro livello di stress.
I maggiori sforzi per integrare il trasporto pubblico nelle iniziative di smart city creano un ulteriore difficoltà che la vita dei lavoratori del trasporto pubblico sia condizionata dalla tecnologia senza che abbiano voce in capitolo su come ciò avvenga.

I dati che vengono creati allo scopo di monitorare la spesa per il carburante e altri problemi possono interessare anche i conducenti.

Alcune delle tecnologie più recenti introdotte nel trasporto pubblico sono software che monitorano vari aspetti dell'attività di un conducente in tempo reale. Confronta i driver l'uno con l'altro e con i criteri stabiliti dalle persone che scrivono il software, il che consente quindi di classificare i driver in vari modi. Nella maggior parte dei casi queste classifiche sono collegate a micro-incentivi che mirano a far consumare meno carburante ai conducenti, ma ci sono anche segnalazioni che queste classifiche sono talvolta utilizzate per prendere decisioni in processi disciplinari e di altro tipo.

Ciò evidenzia un problema con i dati: possono essere raccolti per uno scopo, ma utilizzati per qualcos'altro. Senza accordi su cosa può e non può essere usato, questo può rendere vulnerabili i lavoratori o dipendenti del trasporto pubblico.

Un chiaro esempio di ciò deriva dall'introduzione della tecnologia di tracciamento e tracciamento per aiutare a controllare la diffusione di COVID-19.

La tecnologia è essenzialmente una forma di tecnologia di sorveglianza. Tiene traccia dei lavoratori durante la loro giornata lavorativa, registrando chi incontrano e per quanto tempo. La tecnologia può, ovviamente, raccogliere anche altri dati.
Chiaramente, questi dati possono essere utilizzati per tracciare la diffusione della malattia, ma potrebbero anche essere utilizzati per controllare ulteriormente i lavoratori, disciplinarli e impedire loro di socializzare sia al lavoro che a casa. Può sembrare fantastico, ma è tra gli impatti che hanno colpito maggiormente i lavoratori in altre aree come il magazzino.

Il rapporto tra uomo e robot tecnologia

Il rapporto uomo/macchina si divide e si assume la responsabilità


Ci sono anche problemi legati al modo in cui i decisori si rapportano alla tecnologia. C'è una percezione diffusa che la tecnologia sia infallibile, il che rischia che i lavoratori diventino capri espiatori per i fallimenti tecnologici, come spesso accade nel settore dell'aviazione. L'errore del pilota è il motivo principale di un incidente e le persone rimangono scioccate quando si tratta in realtà di un errore tecnologico.

In termini di competenze richieste dalla digitalizzazione, l'esperienza in altri settori mostra che i lavoratori vedranno alcune aree del loro lavoro dequalificate poiché sensori e software sostituiscono le competenze umane, ma gli stessi lavoratori vedranno altre aree diventare più ad alta intensità di competenze.

Ad esempio, i conducenti potrebbero, in futuro, aver bisogno di alcune abilità di programmazione di base per eseguire piccoli aggiustamenti durante il percorso.
Oppure, se un numero crescente di telecamere e sensori viene distribuito sui veicoli, potrebbe essere necessario essere in grado di integrare molti punti dati prima di prendere decisioni. Quello che hanno bisogno di sapere dipenderà dal mix di tecnologie adottate e dal modo in cui queste integrano con successo il lavoro umano e quello meccanico.

Le sfide che ci attendono sono immense. Senza un'ampia discussione sociale sulle tecnologie digitali (e non solo sui dati) e sui loro potenziali impatti, stiamo prendendo decisioni al buio senza il dovuto riguardo per il futuro. Forse ci auspichiamo che questo tipo di discussioni debbano assumere la forma di un dialogo sociale rafforzato a tutti i livelli possibili. I datori di lavoro, i governi e i lavoratori devono impegnarsi reciprocamente sul posto di lavoro, a livello di settore, a livello cittadino ea livello nazionale e internazionale. Questo risolverà molti problemi relativi alla formazione e alle competenze e ci aiuterà ad affrontare problemi più grandi.

Molti importanti nodi di trasporto sono città che contengono porti marittimi e fluviali, aeroporti, terminal ferroviari, strutture logistiche e sistemi di trasporto pubblico multimodale ben sviluppati. La digitalizzazione cercherà di collegarli in un sistema integrato ottimizzato intorno al profitto e all'efficienza energetica.
Dov'è la parola del cittadino e del lavoratore? Diremmo che gli attuali meccanismi di coinvolgimento sono troppo localizzati e a bassa intensità.

Una proposta per risolvere questo problema sarebbe quella di coinvolgere la società civile e sviluppare consigli congiunti per la digitalizzazione degli hub di trasporto in cui le questioni potrebbero essere discusse dai rappresentanti di ciascun tipo di trasporto, insieme ai rappresentanti comunali, al fine di garantire che il sistema complessivo sia ottimizzato per le esigenze di tutti. Ovviamente è solo un'opinione ma sarebbe interessante non aspettare altri decenni per aprire un tavolo di regolamentazioni su quella che sarà la rivoluzione del rapporto di lavoro tra esseri umani e robot.