Sicurezza sul Lavoro COVID

sicurezza sul lavoro Covid

Stress da lavoro in mezzo alla pandemia COVID-19



CORONAVIRUS SALUTE MENTALE FATICA SALUTE DEI LAVORATORI SALUTE E BENESSERE DEI LAVORATORI

COVID-19 ha cambiato il modo in cui lavoriamo tutti. Alcuni di noi non hanno mai smesso di andare fisicamente al lavoro, mentre altri lavorano a distanza da metà marzo. Non importa dove ci troviamo, lavorare durante una pandemia ha aggiunto stress alla nostra vita quotidiana. Il modo in cui affronti questo stress può influire positivamente o negativamente sul tuo benessere.
Per gestire sempre al meglio la sicurezza negli ambienti di lavoro è necessario tenere conto delle norme stabilite dal Decreto Legislativo 81/2008, consulta la nostra sezione Sicurezza Sul Lavoro Cosa Si Intende.

Alcuni dei sintomi dello stress correlato a COVID-19, secondo i Centers for Disease Control and Prevention, includono la preoccupazione di essere esposti alla malattia sul lavoro, prendersi cura dei propri cari mentre si lavora, gestire un cambiamento nel carico di lavoro e incertezza sul futuro del tuo posto di lavoro o impiego, per questo è molto importante seguire la sicurezza sul lavoro negli ambienti di lavoro con accorgimenti specifici durante questa emergenza sanitaria.

Gestisci lo stress sul lavoro seguendo questi suggerimenti di CDC:

  • - Comunica con i tuoi colleghi sullo stress lavorativo mantenendo le distanze fisiche;
  • - Identifica i fattori che ti causano stress e collabora con i tuoi colleghi per sviluppare soluzioni;
  • - Aumenta il tuo senso di controllo creando una routine quotidiana coerente quando puoi. Se lavori da casa, stabilisci un orario regolare per smettere di lavorare ogni giorno;
  • - Attenersi a un programma di sonno regolare. La National Sleep Foundation raccomanda da sette a nove ore di sonno a notte per gli adulti;
  • - Fai delle pause dal lavoro per allungare, fare esercizio o fare il check-in con i tuoi colleghi, familiari e amici rispettando le norme di sicurezza;
  • - Diventa attivo: trascorri del tempo all'aperto, allenandoti o rilassandoti nel rispetto dei DPCM;
  • - Chiedi al tuo supervisore o al dipartimento delle risorse umane le risorse per la salute mentale offerte dalla tua organizzazione;
  • - Durante le ore non lavorative, dedica del tempo a svolgere le attività che ti piacciono;
  • - Connettiti con gli altri. Parla con le persone di cui ti fidi delle tue preoccupazioni, di come ti senti o di come la pandemia COVID-19 ti sta influenzando;
  • - Prenditi delle pause guardando o leggendo le notizie. Sentire parlare ripetutamente della pandemia può essere sconvolgente e mentalmente estenuante;


Sicurezza Lavoro Covid

1. Sicurezza sul lavoro Covid - Perchè è importante ?

Se vuoi mantenere la sicurezza all'interno della tua azienda, ma al contempo ti risulta difficile perchè molto strutturata l'ideale sarebbe fare rischiesta di una consulenza sicurezza sul lavoro.

L'IMPORTANZA DELLA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO POST PANDEMIA COVID19

[Fonte dell'articolo: https://ww1.issa.int/analysis/covid-19-safety-and-health-work-can-save-lives]

COVID-19: La sicurezza e la salute sul lavoro possono salvare vite umane

24 aprile 2020

In occasione della Giornata mondiale per la sicurezza e la salute sul lavoro del 28 aprile, l'International Social Security Association (ISSA) ha voluto rendere omaggio a tutti i coraggiosi operatori sanitari che rischiano la vita per salvare gli altri durante la pandemia globale COVID-19.

I lavoratori di tutte le età hanno diritto a un lavoro sano e sicuro. Questa potente dichiarazione guida gli sforzi di prevenzione di governi, lavoratori, datori di lavoro e istituzioni di sicurezza sociale per molti decenni in tutto il mondo.

Tuttavia, il mondo della prevenzione come lo conosciamo potrebbe cambiare per sempre: nel gennaio 2020, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha dichiarato lo scoppio di una nuova malattia da coronavirus nella provincia di Hubei, in Cina, un'emergenza di sanità pubblica di interesse internazionale. Due mesi dopo, l'11 marzo 2020, l'OMS ha dichiarato l'epidemia di coronavirus (COVID-19) come una pandemia.

Ad oggi, oltre 2,7 milioni di casi di infezione da COVID-19 sono stati confermati dal Coronavirus Resource Center della Johns Hopkins University. Sono stati segnalati oltre 190.000 decessi. Le previsioni prevedono che l'economia globale potrebbe ridursi tra l'1 e il 7% quest'anno. In gran parte del mondo, le persone devono lavorare da casa, mentre i processi di produzione e le filiere alimentari devono ancora essere garantiti. C'è stato un aumento della disoccupazione, le compagnie aeree e altre grandi aziende hanno sospeso le loro attività mentre gli ospedali stanno lottando per ottenere sufficienti forniture mediche e dispositivi di protezione individuale. Questa non è solo una cattiva notizia per gli affari; è anche una cattiva notizia per la prevenzione.

Fino ad ora, la sicurezza e la salute sul lavoro erano limitate principalmente agli aspetti “occupazionali”, le sfide sul posto di lavoro. Raramente si è diffuso e ha influenzato le nostre vite private. C'erano ovviamente alcune eccezioni, come le questioni psicosociali che possono avere origine sia sul posto di lavoro che a casa.

Tuttavia, queste erano considerate condizioni di salute individuali e non avevano alcun impatto diretto sulla collettività più ampia sul posto di lavoro. Se un lavoratore avesse un problema individuale da affrontare, il posto di lavoro cercherebbe di facilitare i suoi bisogni.

Il COVID-19 ha cambiato questa percezione. La minaccia per la salute del singolo individuo non esiste più. È diventata una questione collettiva che deve essere affrontata collettivamente. La prevenzione deve quindi intensificarsi. In tempi di COVID-19, la prevenzione dei rischi professionali funzionerà solo,se ognuno si assume la responsabilità, non solo per la propria vita ma anche per la vita degli altri. Solo uno sforzo congiunto di prevenzione garantirà la salute e la sicurezza di un lavoratore. È un principio di solidarietà e quindi anche una questione di sicurezza sociale.

I regimi di sicurezza sociale svolgono un ruolo chiave nell'attenuare l'impatto che questa crisi ha sui mercati del lavoro e sulla salute dei lavoratori. Gli assicuratori sanitari, i regimi di disoccupazione e gli assicuratori contro gli infortuni sul lavoro sono lì per fornire la rete di sicurezza di cui la società ha bisogno.

È diventato evidente che la "macchina" della sicurezza sociale - le infrastrutture, la tecnologia e le persone - è emersa come uno strumento strategico fondamentale nella gestione delle crisi.

Per quanto riguarda il posto di lavoro, i membri dell'ISSA hanno lanciato campagne di informazione che vengono pubblicate sul Corona Prevention Monitor dell'ISSA . Questo monitor online presenta buone pratiche su come affrontare COVID-19 e il suo impatto sui sistemi di sicurezza sociale.

Include materiale informativo come liste di controllo, poster e raccomandazioni sull'igiene sul posto di lavoro in molte lingue, ma anche piani di preparazione alle emergenze e guide di risposta per prevenire e controllare la diffusione di COVID-19, ad esempio da paesi che possono essere considerati leader in COVID- 19 risposte, come la Corea .

In considerazione della ridotta attività economica delle proprie compagnie assicurate, alcuni assicuratori infortuni hanno ridotto le loro aliquote contributive, per due ragioni principali: primo, per aiutarle a superare questo momento difficile con incentivi finanziari; e secondo, perché i rischi di un infortunio sul lavoro si riducono notevolmente, quando le persone lavorano da casa o non lavorano affatto.

Un'altra domanda pertinente per le commissioni di compensazione dei lavoratori è se COVID-19 può essere considerata una malattia professionale. Al fine di garantire la copertura assicurativa, in particolare per i lavoratori dei settori più esposti, in alcuni paesi sono già state attuate misure rapide per facilitare il riconoscimento del COVID-19. La maggior parte dei paesi ha seguito l'esempio dell'Italia, che è stata una delle prime a essere stata duramente colpita dalla pandemia.

L'Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (INAIL) considera le infezioni da coronavirus di medici, infermieri e altri dipendenti del Servizio Sanitario Nazionale nonché di qualsiasi altra struttura sanitaria pubblica o privata come malattie professionali. In questi casi si assume automaticamente il nesso causale tra il lavoro e l'infezione. Alcuni altri paesi fanno semplicemente riferimento all'elenco ILO delle malattie professionali,in cui si afferma che gli agenti biologici contratti dal lavoratore sul lavoro sono considerati una malattia professionale.

L'ISSA riconosce la grande sfida che la società globale sta affrontando per combattere la pandemia COVID-19. Siamo qui solidali con ogni lavoratore, ogni datore di lavoro e ogni istituto di previdenza sociale; e offriamo gratuitamente le nostre risorse di prevenzione per sostenere la transizione verso una vita lavorativa sicura e sana. Il programma di prevenzione di punta dell'ISSA su Vision Zero , offre sette regole d'oro su come lavorare in un ambiente sano e sicuro.

Garantire che i luoghi di lavoro siano sicuri e sani è fondamentale per contenere la diffusione del virus e proteggere la salute dei lavoratori, in particolare quelli che lavorano in strutture mediche e di assistenza e rischiano la vita per prendersi cura degli altri.