Rimozione Amianto Lombardia

Rimozione Amianto Lombardia

Sul sito di Regione Lombardia www.bandi.regione.lombardia.it il 23 novembre sarà pubblicato il Bando per l'assegnazione di contributi ai cittadini per la Rimozione Amianto Lombardia di coperture e di altri manufatti in amianto o contenenti tale materiale da edifici privati situati in Lombardia, l'apertura del bando è stata fissata per la data del 18 gennaio.
Saranno finanziate: le spese sostenute per la rimozione amianto Lombardia e lo smaltimento di manufatti contenenti questo materiale [cemento-amianto, vinyl-amianto, amianto friabile] oggetto di denuncia all'Ats competente alla data di presentazione della domanda di finanziamento. Potranno essere finanziati unicamente: i progetti i cui lavori saranno iniziati e realizzati dal giorno successivo alla data di pubblicazione sul Burl del bando; i lavori per i quali non sia stato ottenuto altro finanziamento pubblico; gli interventi che saranno realizzati nei Comuni lombardi e gli interventi che si concluderanno entro il 15 ottobre 2021.
Sono ammessi al bando i lavori di rimozione dei manufatti, i costi di trasporto e di smaltimento dei rifiuti; gli oneri della sicurezza ed amministrativi relativi all'esecuzione dei lavori di rimozione dei manufatti contenenti asbesto, come ad esempio i ponteggi, l'allestimento del cantiere, la predisposizione e la presentazione del piano di lavoro).
In questo articolo [articolo originale lo potete trovare qui: https://oem.bmj.com/content/73/9/607] si parla dell'importanza di come la Rimozione Amianto Lombardia sia urgente per il territorio e per il suo sviluppo verso una direzione di benessere del singolo e della comunità.


Di seguito l'articolo che tratta la necessità della Rimozione Amianto Lombardia: Incidenza del mesotelioma in Lombardia, Italia: esposizione all'amianto, andamento temporale e proiezioni future Obiettivi In Italia questo dannoso materiale è stato ampiamente utilizzato dal 1945 al 1992. Abbiamo valutato l'impatto dell'esposizione sull'insorgenza di mesotelioma maligno (MM) nella Regione Lombardia, nel nord-ovest dell'Italia, la regione italiana più popolata e industrializzata.

Metodi Dal Registro dei mesoteliomi della Lombardia, abbiamo selezionato tutti i casi incidenti di MM diagnosticati tra il 2000 e il 2012. Abbiamo descritto le fonti di esposizione all'amianto ed esaminato l'andamento temporale dei tassi di MM. Utilizzando i modelli di coorte di età di Poisson, abbiamo derivato le proiezioni del carico di MM nella popolazione lombarda per il periodo 2013-2029.

Risultati Nel 2000–2012, abbiamo registrato 4442 casi di MM (2850 uomini, 1592 donne). L'esposizione professionale all'amianto era più frequente negli uomini (73,6%) rispetto alle donne (38,2%). L'esposizione non professionale è stata riscontrata per il 13,6% delle donne e il 3,6% degli uomini. Il numero medio di casi di MM all'anno era ancora in aumento (+ 3,6% negli uomini, + 3,3% nelle donne). I tassi di incidenza erano ancora in aumento negli individui di età superiore ai 65 anni e in diminuzione nei giovani. Nel 2019 sono previsti un massimo di 417 casi di MM (267 uomini, 150 donne). Prevediamo che ci saranno 6832 casi in più (4397 negli uomini, 2435 nelle donne) nel periodo 2013-2029, per un totale di 11 274 casi di MM (7247 negli uomini, 4027 nelle donne) in 30 anni.

Conclusioni Questo studio ha documentato un elevato carico di MM in entrambi i sessi nella Regione Lombardia, riflettendo un'ampia esposizione all'amianto professionale (principalmente uomini) e non lavorativa (principalmente donne) in passato. I tassi di incidenza sono ancora in aumento; dopo il 2019 si prevede che si verifichi una flessione del MM.
Questo è un articolo ad accesso aperto distribuito in conformità con la licenza Creative Commons Attribution Non Commercial (CC BY-NC 4.0), che consente ad altri di distribuire, remixare, adattare, costruire su questo lavoro in modo non commerciale e concedere in licenza i loro lavori derivati su diversi termini, a condizione che l'opera originale sia correttamente citata e l'uso non sia commerciale. Vedi: http://creativecommons.org/licenses/by-nc/4.0/

Un altro articolo che si occupa della necessità della Rimozione Amianto Lombardia a causa della sua gravità
Source :
https://www.researchgate.net/publication/308763380_Geographical_patterns_of_ mesothelioma_incidence_and_asbestos_exposure_in_Lombardy_Italy

L'amianto è una causa riconosciuta di mesotelioma maligno (MM), cancro ai polmoni, alla laringe e alle ovaie, mentre le prove riguardanti l'associazione con altri siti tumorali (faringe, stomaco, colon e retto) sono considerati limitati (21). Tutte le forme di amianto possiedono proprietà cancerogene, sebbene con potenze diverse (per quanto riguarda il MM, gli anfiboli sono più potenti del crisotilo) (10, 23, 25). Inoltre, questo pericoloso materiale causa malattie non neoplastiche, compresi asbestosi, versamenti pleurici e diffusi ispessimento pleurico (49). È stato stimato che in tutto il mondo ogni anno muoiono più di 100.000 persone da MM, cancro ai polmoni o asbestosi (44). La grande maggioranza dei casi di MM è causata da amianto (o altre fibre asbestiformi, come l'erionite e fluoro-edenite).
In assenza di asbesto, è stato stimato un tasso di incidenza di base di 1-2 per milione di anni persona (10, 30). Oltre il 90% di MM provengono dalla pleura, minori del 10% dal peritoneo e molto raramente dal pericardio e dalla tunica vaginale testicolo (26). La prognosi dopo la diagnosi di MM pleurico è molto povero, con un tempo di sopravvivenza mediano compreso tra Da 5,0 a 13,2 mesi in studi basati sulla popolazione (37). Diversi paesi hanno istituito registri MM monitorare l'incidenza del MM nel tempo, identificare le fonti dell'esposizione all'amianto, fornire assistenza medico-legale ai pazienti e alle loro famiglie, valutare la sopravvivenza e prevedere le tendenze future dell'incidenza del MM (20, 28, 39, 50).
L'Italia ne utilizza grandi quantità di crisotilo e anfiboli (> 3,5 milioni di tonnellate prodotte o importate dal 1945 al divieto del 1992) e è attualmente tra i paesi con il più alto Frequenza MM in tutto il mondo (27, 41, 48). Nel 2002, a è stato istituito il registro nazionale MM (Registro Nazionale Mesoteliomi, ReNaM), organizzato in rete dei registri regionali (Centri Operativi Regionali, COR), alcuni dei quali avevano avviato attività in precedenza (26, 28, 38).
La regione Lombardia, l'Italia nordoccidentale è la più popolata (attualmente, 10 milioni di abitanti, un sesto della popolazione italiana) e industrializzata delle 20 regioni italiane. È la quarta regione italiana per estensione, coprendo un'area di 23.844 km², con 12 Province e 1546 comuni (fig 1). Il territorio può essere suddiviso in quattro zone, da Da nord a sud: le Alpi (principalmente nella provincia di Sondrio) a bassa densità abitativa, le Prealpi (che coprono le parti settentrionali delle province di Varese, Como, Lecco, Bergamo e Brescia), il Pianura Padana, e una piccola zona collinare (montagne appenniniche) Sud-Ovest (Provincia di Pavia). La Pianura Padana comprende un'area settentrionale altamente industrializzata (Province di Varese, Como, Milano, Monza e Brianza, Bergamo e Brescia) e una zona meridionale principalmente area rurale (province di Pavia, Lodi, Cremona e Mantova).

Sarebbe per questo importante fare quella che viene chiamata una:

Mappatura Amianto Lombardia



[Estratto articolo fonte:
https://www.researchgate.net/publication/308763380_Geographical_patterns_of _mesothelioma_incidence_and_asbestos_exposure_in_Lombardy_Italy]

Valutazione dell'esposizione all'amianto

I pazienti affetti da MM (o il loro parente prossimo) vengono intervistati (per lo più faccia a faccia) da personale addestrato utilizzando un questionario standardizzato (38) per raccogliere informazioni dettagliate sulla storia professionale nel corso della vita (industria, occupazione, caratteristiche dell'ambiente di lavoro). Inoltre, al paziente viene chiesto di fornire le seguenti informazioni su ciascun convivente (padre, madre, coniuge, altro): qual era il suo occupazione più lunga (industria, lavoro), quanti anni il paziente viveva con il convivente, se il convivente abituato a portare a casa abiti da lavoro sporchi e se il paziente usava spazzolare o lavarsi loro.
Vengono studiate le attività domestiche e domestiche che comportano una potenziale esposizione all'amianto, tra cui: stiratura su assi da stiro rivestite di amianto; piccoli lavori di riparazione (come muratore, idraulico, motorista o elettricista), isolamento termico; uso di guanti di amianto; e l'uso di qualsiasi contenente amianto oggetti. Il questionario contiene anche una sezione su storia residenziale a vita, comprese domande su città e indirizzo completo, tipo di casa, presenza di piastrelle in cemento amianto o serbatoi d'acqua e presenza di industrie nelle vicinanze (es. cemento amianto, industrie petrolchimiche, ferroviarie o navali).
Sulla base di queste informazioni, l'esposizione all'amianto per tutta la vita è classificata come "professionale" (definita, probabile o possibile), "para-professionale" (cioè correlata ai conviventi), "home-related" (cioè, correlato a attività svolta all'interno della casa), o “ambientale” (residenza in prossimità di industrie dell'amianto) (38). I soggetti senza esposizione all'amianto identificata sono classificati come "sconosciuti". Infine, i soggetti non intervistato o con informazioni insufficienti a intervista sono classificati come "nessuna informazione / no classificato".
I soggetti potrebbero essere stati esposti all'amianto da più di una fonte. Pazienti mai esposti all'amianto sul posto di lavoro (dove l'amianto è disperso nell'aria i livelli erano generalmente dell'ordine di grandezza superiori a in altri contesti), sono classificati come professionalmente esposti indipendentemente da altre fonti di esposizione (para-occupazionali, ambientali o legate alla casa). Per pazienti mai esposti professionalmente all'amianto, di solito seguiamo questa gerarchia di esposizione: para-professionale> correlata alla casa> ambientale. Tuttavia, la decisione finale viene presa caso per caso base, considerando anche le informazioni in tempo da allora prima esposizione e durata dell'esposizione a ciascuna sorgente.

analisi statistica
Abbiamo selezionato dal database RML tutti i casi MM (definiti, probabili o possibili) in cui la data di la prima diagnosi (istologia, citologia o imaging) è stata tra il 1 ° gennaio 2000 e il 31 dicembre 2012, il periodo in cui le attività di accertamento del caso, la valutazione e l'intervista sono state completate.
Separatamente per uomini e donne abbiamo tabulato dati demografici, caratteristiche cliniche, fonti di amianto esposizione, e, per ogni Provincia e per il Comune di Milano, principali settori industriali in cui i soggetti avevano mai stato esposto all'amianto.

Tariffe standardizzate

Abbiamo calcolato tariffe grezze e standardizzate per ogni Provincia e per la città di Milano utilizzando il Standard italiano 2001, europeo e mondiale (Segi) popolazioni. Gli intervalli di confidenza (CI) dei tassi erano calcolato utilizzando la formula proposta da Tiwari, Clegg e Zou (15, 46). Abbiamo invece calcolato il 90% del 95% degli IC al fine di evitare un'interpretazione riduttiva degli intervalli di confidenza come significatività statistica test al livello convenzionale del 5% a due code (45). Dati sulla popolazione per comune, anno, sesso ed età sono stati forniti dalla Rete Italiana del Cancro Registri (Associazione Italiana dei Registri Tumori, AIRTum) (http://www.registri-tumori.it/cms/) o scaricabile dall'Istituto Nazionale Italiano di Statistica (Istituto Nazionale di Statistica, ISTAT) (http://demo.istat.it/). La gestione dei dati e le analisi statistiche sono state eseguite con Stata 13 (43).
Mappe dei tassi di incidenza grezzi livellati Per ciascuno dei 1546 comuni abbiamo calcolato i tassi di incidenza medi grezzi. Inoltre tenere conto della dispersione eccessiva che abbiamo prodotto levigato tariffe utilizzando i bayesiani Besag, York e Mollié (BYM), ora molto popolare nell'analisi di dati disponibili a livello di piccola area (11).