Sicurezza e protezione dei trasporti


Protezione e sicurezza nei trasporti

Un nuovo contesto nella sicurezza dei trasporti


Mentre i problemi di sicurezza hanno preoccupato i pianificatori e i gestori dei trasporti per molti anni, è solo di recente che la sicurezza fisica è diventata un problema prioritario. Su questo, occorre fornire una sfumatura importante tra attività criminali e terrorismo. Sebbene entrambi cerchino di sfruttare i punti deboli della sicurezza dei trasporti, lo fanno per ragioni molto diverse. Il terrorismo è un'attività simbolica alla ricerca di forme di distruzione e distruzione per costringere un'agenda politica, ideologica o religiosa. In questo contesto, il trasporto è principalmente un obiettivo . Le attività criminali cercano un ritorno economico da transazioni illegali come droga, armi, pirateria e immigrazione illegale. In questo contesto, il trasporto è principalmente un vettore per operazioni illecite. Le preoccupazioni erano già state sollevate in passato. Tuttavia, i tragici eventi dell'11 settembre hanno spinto la questione della sicurezza fisica nel dominio pubblico come mai prima d'ora e hanno messo in moto risposte che hanno rimodellato i trasporti in modi imprevisti. Inoltre, le minacce alla salute, come la diffusione di pandemie, presentano sfide significative per la pianificazione e le operazioni dei trasporti.

Come luoghi in cui passeggeri e merci vengono assemblati e dispersi, i terminal sono stati particolarmente al centro delle preoccupazioni per la sicurezza. Poiché le stazioni ferroviarie e gli aeroporti sono alcuni dei siti più densamente popolati, il controllo della folla e la sicurezza sono stati problemi che hanno preoccupato i gestori per molto tempo. L'accesso è monitorato e controllato e i movimenti sono incanalati lungo percorsi che forniscono un accesso sicuro da e verso piattaforme e cancelli. Nel settore del trasporto merci, le preoccupazioni in materia di sicurezza sono state indirizzate in due aree: sicurezza dei lavoratori e furto. Tradizionalmente, gli scali merci sono stati luoghi di lavoro pericolosi. Con le merci pesanti spostate nei piazzali e caricate su veicoli utilizzando grandi macchine mobili o manualmente, gli incidenti erano sistemici. Nel corso degli anni sono stati apportati miglioramenti significativi, attraverso l'istruzione dei lavoratori e una migliore organizzazione delle operazioni, ma gli scali merci sono ancora relativamente pericolosi. Il problema dei furti è stato uno dei problemi più gravi che affliggono tutti i tipi di scali merci, soprattutto dove vengono movimentate merci di alto valore. Per garantire la protezione delle merci e dei singoli individui che partecipano al trasporto all'interno di un'azienda è sempre meglio fare affidamento su esperti in materia di Consulenza ADR.

Sicurezza dei trasporti

La forma emergente più visibile di minaccia alla sicurezza è la sicurezza informatica a cui le infrastrutture e le organizzazioni di trasporto sono particolarmente vulnerabili. La crescita nell'uso delle tecnologie dell'informazione e delle loro reti associate ha aperto nuove forme di vulnerabilità poiché è possibile accedere a distanza ai sistemi di controllo e gestione. Ciò ha portato a complesse reti di informazioni aziendali interconnesse che possono essere violate e interrotte. In alcuni casi, terminali e centri di distribuzione costretti a cessare le operazioni a causa di computer inutilizzabili.

Il fondamento della sicurezza dei trasporti comprende diverse dimensioni e misure potenziali:

  • Dimensioni: In particolare per quanto riguarda l'integrità dei passeggeri o delle merci, il percorso e i sistemi informativi (sicurezza informatica) che gestiscono la catena di trasporto;
  • Misure: L'insieme delle procedure che possono essere implementate per mantenere l'integrità dei passeggeri o del carico, vale a dire le ispezioni, la sicurezza delle strutture e del personale, nonché dei dati e dei sistemi informativi di supporto;


I risultati attesi di queste misure includono:

  • Rischio ridotto di interruzioni dei viaggi o degli scambi in risposta a minacce alla sicurezza.
  • Maggiore sicurezza contro furto e dirottamento del carico, con riduzione delle perdite dirette (carico e talvolta del veicolo) e dei costi indiretti (es. maggiori premi assicurativi).
  • Maggiore sicurezza contro il trasporto illegale di passeggeri e merci come contraffatti, stupefacenti e armi, e di persone.
  • Maggiore dipendenza dai sistemi informativi a supporto delle complesse transazioni generate dalle attività di trasporto.
  • Ridotto rischio di evasione di dazi e tasse.
  • Maggiore fiducia nel sistema commerciale internazionale da parte degli attuali e potenziali caricatori di merci.
  • Processo di screening migliorato (costi e tempi) e procedure semplificate.


Tuttavia, nonostante i vantaggi qualitativi, l'impostazione e l'attuazione delle misure di sicurezza hanno un costo che deve essere assunto dagli spedizionieri ed eventualmente dai consumatori o dai passeggeri. È stato stimato che un aumento dell'1% dei costi di negoziazione a livello internazionale provocherebbe una diminuzione dei flussi commerciali compresa tra il 2 e il 3%. Pertanto, le misure basate sulla sicurezza potrebbero aumentare i costi totali tra l'1% e il 3%, con un impatto negativo sul commercio internazionale. Inoltre, gli impatti non sono assunti in modo uniforme poiché le economie in via di sviluppo, in particolare le economie orientate all'esportazione, tendono ad avere costi di trasporto più elevati. Uno degli obiettivi principali è quindi quello di rispettare le misure di sicurezza nel modo più conveniente.

Tecnologia trasporto

Sicurezza fisica dei passeggeri


Gli aeroporti sono stati al centro delle preoccupazioni per la sicurezza sul lavoro e per la sicurezza dei passeggeri per molti decenni. Gli aerei da dirottamento sono venuti alla ribalta negli anni '70, quando i gruppi terroristici in Medio Oriente hanno sfruttato la mancanza di sicurezza per requisire aerei a scopo di riscatto e pubblicità. Anche i rifugiati in fuga dalle dittature hanno trovato il controllo degli aerei una possibile via verso la libertà. In risposta, l'industria aerea e l'organismo di regolamentazione internazionale, ICAO, hanno stabilito procedure di screening per passeggeri e bagagli. Questo processo sembra aver funzionato almeno nel breve periodo, con una riduzione dei dirottamenti. Tuttavia, i terroristi hanno cambiato le loro tattiche piazzando bombe in bagagli e pacchi non accompagnati, come ad esempio nell'incidente aereo dell'Air India al largo dell'Irlanda nel 1985 e a Lockerbie, in Scozia, nell'incidente del Pan Am 103 nel 1988. Tuttavia, il trasporto aereo rimane ilmodalità di trasporto più sicura con decessi in costante diminuzione nel corso degli anni.

La crescita del traffico passeggeri e lo sviluppo delle reti hub and spoke hanno messo a dura prova il processo di sicurezza. C'erano ampie disparità nell'efficacia dello screening dei passeggeri in diversi aeroporti e poiché i passeggeri venivano instradati dagli hub, il numero di passeggeri in transito attraverso gli aeroporti hub è cresciuto in modo significativo. Sono state sollevate preoccupazioni, ma i costi per migliorare lo screening e la necessità di elaborare un numero sempre maggiore di passeggeri e mantenere gli orari dei voli hanno indotto la maggior parte dei vettori a opporsi a misure di sicurezza più severe.

Trasporti sicurezza

La situazione è stata irrevocabilmente cambiata dagli eventi dell'11 settembre 2001. Il governo degli Stati Uniti ha creato il Department of Homeland Security, che a sua volta ha istituito un'Autorità per la sicurezza dei trasporti per sovrintendere all'imposizione di nuove rigorose misure di sicurezza sull'industria. La sicurezza può ora rappresentare tra il 20 e il 30% dei costi operativi di un aeroporto. La sicurezza prevede molti passaggi, dalla limitazione dell'accesso alle strutture aeroportuali, alla fortificazione dei cockpit, all'impostazione di liste di non volo, ai controlli di sicurezza più estesi dei passeggeri e dei loro bagagli. Lo screening include restrizioni su ciò che può essere trasportato personalmente in aeroplani come gel e liquidi. Per i cittadini stranieri, l'ispezione utilizza l'identificazione biometrica, che attualmente prevede il controllo delle impronte digitali, ma in futuro potrebbe includere scansioni della retina e riconoscimento del modello facciale.

È stato introdotto un nuovo sistema, il Computer Assisted Passenger Prescreening System (CAPPS II). Richiedeva più informazioni personali ai viaggiatori quando prenotano i voli, che vengono utilizzate per fornire una valutazione del rischio di ciascun passeggero. I passeggeri considerati ad alto rischio sono stati ulteriormente sottoposti a screening. Tuttavia, questo programma è stato annullato nel 2004, soprattutto perché ha creato troppi falsi positivi, nell'ordine del 98%. È stato sostituito dal programma Secure Flight che funziona secondo principi simili ma interamente gestito dalla TSA. Dal 2009, tutti i voli provenienti, diretti o sorvolati dagli Stati Uniti, hanno avuto il loro elenco di passeggeri incrociati da un elenco centrale di no-fly gestito dalla TSA. Per focalizzare ulteriormente le procedure di screening, i programmi per viaggiatori fidatisono stati introdotti e in cui le persone che hanno offerto volontariamente informazioni come il rilevamento delle impronte digitali e il controllo dei precedenti possono passare attraverso una procedura di sicurezza accelerata.

L'imposizione di queste misure ha avuto un costo considerevole, stimato in più di 7,4 miliardi di dollari l'anno dalla IATA. Un fattore significativo è stato lo screening dei passeggeri con l'assunzione e la formazione di una forza lavoro, l'acquisto di migliori macchine per lo screening e la riprogettazione delle procedure di sicurezza aeroportuali. Inoltre, la progettazione e le operazioni degli aeromobili sono state modificate, inclusa l'introduzione di porte di cabina rinforzate. Queste misure hanno avuto un impatto anche sul flusso di passeggeri, con un calo stimato del 5% attribuito alle misure di sicurezza. Lo sdoganamento di sicurezza è diventato la fonte più importante di ritardi nel processo di imbarco dei passeggeri. I passeggeri dovrebbero ora arrivare 2 ore prima della partenza al terminal per superare i controlli di sicurezza.Non sorprende quindi che vi sia stato un trasferimento modale verso la strada (e in una certa misura la ferrovia dove sono disponibili i servizi) per i viaggi aerei che coinvolgono distanze più brevi (500 km o meno). Questo cambiamento è stato collegato a ulteriori vittime della strada, una conseguenza involontaria di ulteriori misure di sicurezza.

Trasporto aereo

Attacchi in tutto il mondo all'interno di un aereo per tipo, 1970-2009 Numero di decessi annuali dovuti a disastri del trasporto aereo, 1918-2018 Aeroporti di pre-sdoganamento per gli Stati Uniti I problemi di sicurezza hanno avuto un effetto negativo sul settore del trasporto aereo poiché i costi sono aumentati con l'aumento dei ritardi e dei disagi per i passeggeri. Tuttavia, questi ritardi e inconvenienti sono ora considerati parte del viaggio aereo contemporaneo, con i passeggeri abituati ai requisiti di sicurezza. Inoltre, gli aeroporti hanno sviluppato procedure efficaci, come corsie di sicurezza multiple e scansioni ad alto rendimento, per accelerare il processo. L'onere che la sicurezza e le procedure doganali impongono ai principali porti di entrata hanno anche stimolato l'espansione dei programmi di pre-sdoganamento . La pandemia di COVID-19 del 2020 ha introdotto una nuova dimensione per la sicurezza del trasporto passeggeri, che è la sicurezza epidemiologica . Questo è particolarmente vero per le forme di trasporto passeggeri ad alta densità come il trasporto pubblico, le navi da crociera e i viaggi aerei. Le persone sono riluttanti a utilizzare tali mezzi di trasporto a causa dei rischi percepiti di essere infettati. Ogni modalità può essere associata a un rischio epidemiologico che deve essere mitigato. Per il trasporto aereo, ciò può comportare lo screening dei passeggeri e la continua disinfezione di strutture come aree di attesa e aerei tra un volo e l'altro. Il risultato sono costi aggiuntivi e un aumento delle prestazioni dei viaggi aerei a causa dei turni più lunghi.

Sicurezza del trasporto


La sicurezza nel settore del trasporto merci è sempre stata un grosso problema. Gli immigranti illegali, il contrabbando di droga, l'evasione dei dazi doganali, la pirateria e il dispiegamento di navi al di sotto degli standard (maggiore propensione agli incidenti) sono state alcune delle preoccupazioni più importanti. Alla luce dell'emergere di catene di approvvigionamento globali , l'enfasi sulla sicurezza del trasporto merci si sta gradualmente spostando verso un approccio più completo ma complesso. Tuttavia, come nel settore dei passeggeri aerei, gli eventi dell'11 settembre hanno evidenziato una nuova serie di problemi di sicurezza. La portata di questi problemi nel trasporto merci sono di entità ancora maggiore. Le dimensioni internazionali meno regolamentate e maggiori del settore marittimo, in particolare, lo hanno reso vulnerabile alle violazioni della sicurezza.

Un gran numero di porti, la vasta flotta di spedizioni globali e la gamma di prodotti trasportati su navi e la difficoltà di rilevamento hanno reso estremamente difficile affrontare il problema della sicurezza nella navigazione. Per i porti, le vulnerabilità (accesso non autorizzato a merci e strutture) possono essere sfruttate sia dal lato terrestre che dal lato marittimo. Il container, che ha notevolmente facilitato la globalizzazione, rende estremamente difficile identificare i carichi illeciti e pericolosi . In assenza di scanner in grado di scansionare l'intera scatola, l'ispezione manuale diventa un'attività dispendiosa in termini di tempo e praticamente impossibile considerando i grandi volumi coinvolti. L'hubing aggrava il problema, poiché è necessario movimentare un gran numero di contenitori con ritardi e disagi minimi.

Pirateria marittima globale, 2008-2009 Sito delle esplosioni del porto di Tianjin 2015 2015 Negli Stati Uniti, la risposta è stata quella di emanare il Maritime Transportation and Security Act nel 2002. Gli elementi fondamentali di questa legislazione sono stati adottati dall'Organizzazione marittima internazionale (IMO) come codice internazionale di sicurezza delle navi e dei porti (ISPS) che ha iniziato ad essere attuate nel 2004. Tre sono le caratteristiche importanti di questi interventi:

Il requisito di un Automated Identity System (AIS) per tutte le navi tra 300 e 50.000 dwt. L'AIS richiede alle navi di avere un numero identificativo visibile e contrassegnato in modo permanente e deve essere conservata una registrazione della sua bandiera, del porto di immatricolazione e dell'indirizzo del proprietario registrato. Ogni porto deve effettuare una valutazione di sicurezza . Ciò comporta una valutazione delle sue attività e strutture e una valutazione degli effetti dei danni che potrebbero essere causati. Il porto deve quindi valutare i rischi e identificare i punti deboli relativi alla sicurezza fisica, ai sistemi di comunicazione, alle utenze, ecc. Tutti i carichi destinati agli Stati Uniti devono ricevere lo sdoganamento prima della partenza della nave . Inoltre, l'identificazione biometrica per i marittimi è stata implementata e mantenuta nei database nazionali. Il codice ISPS è stato implementato nei porti di tutto il mondo poiché, senza certificazione, un porto avrebbe difficoltà a commerciare con gli Stati Uniti. La messa in sicurezza dei siti, l'esecuzione di valutazioni del rischio e il monitoraggio delle navi rappresentano costi aggiuntivi senza alcun ritorno commerciale. I porti statunitensi sono stati in grado di attingere ai finanziamenti del Dipartimento per la sicurezza interna, ma i porti stranieri devono conformarsi o rischiare la perdita di affari. Nel 2008, la legislazione degli Stati Uniti ha richiesto che tutti i container spediti negli Stati Uniti fossero sottoposti a screening. Ci si aspettava che i porti stranieri acquistassero costosi scanner a raggi gamma e a raggi X e si impegnassero a controllare tutti i container diretti agli Stati Uniti, indipendentemente dal grado di minaccia alla sicurezza. Questa è un'ulteriore complicazione finanziaria e operativa con cui i porti stranieri devono fare i conti.

Come la sua controparte passeggeri, l'industria del trasporto aereo del trasporto aereo sta affrontando severi requisiti di sicurezza. Dal 2010, un regolamento TSA richiede lo screening di tutte le merci trasportate per via aerea negli Stati Uniti o a livello internazionale e questo prima di essere caricate. Il Certified Cargo Screening Program (CCSP) obbliga le compagnie aeree, gli spedizionieri e gli spedizionieri ad assumersi i costi di queste misure di sicurezza nel tentativo di stabilire una catena di trasporto aereo sicura delle merci. La misura ha imposto costi aggiuntivi, ritardi e interruzioni, minando l'efficacia operativa delle merci aviotrasportate. Tuttavia, l'industria del trasporto aereo di merci si è adeguata a queste misure. La sicurezza è diventata un elemento aggiuntivo nel determinare il vantaggio competitivo.

Bibliografia: Federal Highway Administration (2018) Vulnerability Assessment and Adaptation Framework, 3a edizione, FHWA-HEP-18-020. Gillen, D. e WG Morrison (2015) "Aviation Security: Costing, Pricing, Finance and Performance", Journal of Air Transport Management, vol. 48, pagg. 1-12. OCSE (2011) Future Global Shock – Improving Risk Governance, Parigi: OECD Publishing. Sivak, M. e MJ Flannagan (2004) "Conseguenze per le vittime del traffico stradale della riduzione dei voli dopo l'11 settembre 2001", Transportation Research E, vol. 7, pp. 301-305. Transportation Research Board (2006) Questioni critiche nei trasporti, Washington, DC: The National Academies. Forum economico mondiale (2012) Nuovi modelli per affrontare la catena di approvvigionamento e il rischio dei trasporti.